VIVILIS in festa

DUE GIORNATE NEL SILENZIO ANIMATO
Nell’area verde  di Marcallo con Casone si sono incontrati, per la prima volta, giovani e meno giovani sordi in un’atmosfera pervasa dal silenzio dei loro simboli espressi nel lingua dei segni. L’Ente nazionale per la tutela e l’assistenza dei sordi - ENS, ha una sua sezione a Milano, che ha organizzato la prima rassegna di cultura, tradizione e identità dei sordi ambrosiani: VIVILIS in festa, per far conoscere l’efficacia di questo modo di esprimersi ad una sempre più vasta fascia dell’opinione pubblica. Il momento più toccante è stato la S. Messa celebrata da Mons. Emilio Puricelli, che vive la realtà dei sordi che ricordato nella sua omelia sul tema della Pentecoste. Alla presenza del sindaco di Marcallo con Casone Massimo Olivares e dell’Assessore della Provincia di Milano MassimoPagani, sul sagrato della chiesa si è celebrato un brindisi augurale con la recita di alcune poesie in LIS. Una sezione è stata interamente dedicata al “ sentire per aromi e per sapori “, supportata dall’Associazione Stampa Agroalimentare, che coordina alcune centinaia di giornalisti e comunicatori a supporto e tutela delle tipicità agroalimentari e dei settori collegati. Aromi e sapori che i partecipanti alla rassegna hanno  “sentito” nelle preparazioni  curate da un Gianni Tota: cuoco professionista dell’Associazione Professionale Cuochi Italiani, disponibile ad insegnare ai giovani sordi i primi rudimenti di un mestiere antico ma sempre attuale come l’arte in cucina. Fra le molte esercitazioni di alta cucina è stata apprezzata la presentazione delle due variazioni sul tema della “ busecca “ tipico piatto che i milanesi gustavano con i ceci prima che arrivassero i fagioli. VIVILIS in festa : una vera scuola di umanità. Giovanni Staccotti

Il sito di Gianni Tota